Ci avviciniamo alla zona playoff. La Openjobmetis Varese di coach Casa vuole provare a stupire ancora, anche se la rivoluzione operata in estate lascia – come ovvio che sia – qualche punto interrogativo. La scelta di partire con un nuovo progetto da colui che ha portato ancora entusiasmo alla piazza, appunto coach “Artiglio” è sicuramente un plus importante, ma…

Squadra: OPENJOBMETIS VARESE
BT GRID: 3° FILA – 10° POSTO
Roster: Josh  Mayo (play), Matteo Tambone (play), Ingus Jakovics (play), Jason Clark (guardia), Omar Seck (guardia), Milenko Tepic (guardia/ala), AJ Peak (ala), Nicola Natali (ala), Giancarlo Ferrero (ala), Gianmarco De Vita (ala), Siim-Sander Vene (ala forte), Jeremy Simmons (centro), Luca Gandini (centro)
Coach: Attilio Caja (conf.)
Quintetto: Mayo, Clark, Peak, Vene, Simmons
La stella: Josh Mayo
Possibile sorpresa: Ingus Jakovics



Strenght: Attilio Caja è sicuramente una base più che solida per la ripartenza, così come la buona fisicità del roster assemblato. Mayo, Peak, Vene, Simmons assieme possono fare cose egregie in difesa e mettere in difficoltà gli avversari, portando in attacco doti realizzative e discreta intelligenza cestistica. Jakovics sta mostrando ottime cose in queste prime amichevoli stagionali. Lo scheletro italiano  (Tambone-Ferrero) sarà importante per velocizzare il processo di inserimento degli stranieri, comunque tutti, eccetto Clark e appunto Jakovics, già passati dal nostro campionato.


Weaknesess: Un ruolo chiave per Peak che a Pistoia non ha impressionato, il salto di qualità di un giocatore come Simmons – che bene ha fatto in A2 ma che si troverà di fronte al salto di categoria fisico – e un play come Mayo che ha sì tanti punti nelle mani ma che a volte si spegne lungo la stessa gara. Caja avrà un lavoro importante da fare per plasmare la squadra secondo i propri canoni e le prime uscite hanno mostrato alti e bassi con forbice ampia.