GRISSIN BON 76
DOLOMITI ENERGIA 84
Parziali: 19-23, 40-37, 62-56

1′ Esordio casalingo per la Grissin Bon di coach Buscaglia che, come noto, affronta subito il suo passato: quell’Aquila Trento che scende a Reggio con un Alessandro Gentile in più nel motore.

3′ Reggio va con continuità in post basso con i suoi esterni. Subito problemi ai liberi (Owens 1/4). Di là un Blackmon (27 contro Pistoia all’esordio) ispirato va tenuto subito a bada.

4′ Enormi problemi per Johsnon-Odom su Blackmon soprattutto nel seguirlo dietro ai blocchi (sono già 7 i punti per l’ex Pesaro).

7′ Reggio è 0/6 da 3 punti ma i problemi persistono in difesa: troppo facile la via al ferro concessa ai trentini. Il rischio di lasciare lì l’inerzia della gara è dietro l’angolo.

8′ Mezzanotte sugli scudi: l’ala classe 98 sta facendo impazzire i reggiani. Risponde Fontecchio con due triple in fila che spezzano la “maledizione”. Esordio di Gentile, sepolto dai fischi, con una banalissima palla persa.

10′ Reggio sprofonda subito a -10 ma poi è brava col tiro da fuori, e le seconde linee, a tornare in partita.



12′ Doppia cifra per Fontecchio (più 2 assist e 2 rimbalzi) che pare nella sua versione migliore, almeno come approccio.

14′ Trento passa a zona e Reggio arriva al ferro con Poeta che “la spiega”; Reggio a zona e Trento sparacchia: un punto per coach Biscaglia!

15′ 20 rimbalzi (7 in attacco) per Reggio che ha un Poeta da 5 assist e +16 di +/- in 7 minuti (!!!) oltre ad un Vojovoda in versione “microonde” con 10+2+2 in 9 minuti.

18′ Mekel al volo per Owens che schiaccia: il +5 confezionato dai due giocatori più in ombra della serata.

20′ Reggio concede solo 14 punti a Trento nel secondo quarto mostrando più fluidità con capitan Poeta a guidarla rispetto a un Mekel piuttosto spaesato. Già 17 per uno scatenato Blackmon.

21′ Johnson-Odom sbaglia il libero del tecnico dato a coach Brienza e di seguito palla persa da Reggio con 2+1 di Trento e pareggio immediato a quota 40. Approccio rivedibile…

23′ Momenti di basket amatoriale: scelte offensive davvero di bassissimo livello per entrambe le squadre. E Upshaw commette il terzo fallo.

25′ Leo Candi imbriglia Blackon e lo costringe alla persa: giocata “buscagliana” del giocatore binacorosso più “buscagliano”.

28′ Blackmon ancora a secco nel quarto, grazie ad un Candi maiuscolo, ma Reggio la spallata a questa gara non vuole proprio darla.

30′ Reggio chiude il quarto con un “buzzer beater” di Vojvoda che certifica l’ottimo impatto offensivo dell’ungherese (13 uscendo dalla panchina) che tiene i biancorossi a +6.



31′ Pronti, via: fulmineo 5-0 Trento. Reggio proprio non ne vuol sapere di partire concentrata.

34′ 5-0 che diventa 13-0: Reggio  di nuovo alle corde con l’ennesima partenza a vuoto di tutto il quintetto.

35′ Johnson-Odom stasera è il sesto uomo per gli avversari mentre Andrea Mezzanotte continua a martellare a ripetizione (17 in 18 minuti e 21 di valutazione).

37′ Mekel continua a fare fatica a trovare affiatamento con la squadra che ancora sembra non “riconoscerlo”.

40′ Reggio cade anche alla prima al PalaBigi sparendo completamente dal campo dopo il terzo quarto e concedendo un terrificante 13-0 a Trento che, con Blackmon prima e con un ottimo Mezzanotte poi, vince con merito.