Sava Lesic, serbo ma nato in Croazia, è il nuovo centro della Grissin Bon. Quali sono le sue caratteristiche principali? E’ adatto al gioco reggiano? Dove potrà essere utile? E dove, invece, potrebbe pagare dazio?

Ecco un breve scouting report per conoscere meglio il centro ex Olimpija Lubiana:

I punti di forza:

  • Tra i suoi “strenghts” certamente la duttilità, il poter essere pericoloso sia da fuori sia spalle a canestro, sia frontalmente. Ma uno dei suoi punti di forza maggiori è certamente la capacità di mobilità verticale lungo il campo; “saper correre il campo”. Spesso e volentieri in transizione si trova a essere davanti a tutti offrendo una soluzione importante al passatore o arrivando a rimorchio di un compagno.
  • Altra caratteristica scintillante è la partenza in palleggio attaccando il recupero. Lesic mette palla a terra come un’ala (ottimo ball-handling attaccando il ferro) e abbassandosi col corpo diventa difficile da contenere per i pari ruolo. Anche perché il suo tiro da tre punti va rispettato e il difensore deve chiudere

I punti deboli:

  • Oltre a un atletismo non certamente di punta tra i centri e un corpo non muscolare seppur tosto, Lesic – anche lo scorso anno in Eurocup – attraversa momenti di poca concentrazione difensiva soprattutto in situazioni di blocchi da rimessa o da back-door. Quando è concentrato è davvero mobile e attivo, ma non sempre riesce ad esserlo.
  • Buon rimbalzata di posizione, il serbo patisce il rimbalzata dal lato debole soprattutto se questi è più veloce e atletico. Riesce a recuperare di posizione (come mostrato in questo video) ma più volte ha mostrato limiti quando non sente il contatto con l’avversario diretto nella lotta a rimbalzo.