Prima fila. Quella delle quattro formazioni che hanno, come obiettivo e come continuità rispetto alla passata stagione, un preciso obiettivo: provare a raggiungere almeno la semifinale.
Quarto posto in griglia per la Leonessa Brescia di coach Diana, che da questa stagione giocherà nel nuovissimo PalaLeonessa.



Squadra: GERMANI BRESCIA
BT GRID: 4°
Roster Luca Vitali (play), Tommaso Laquintana (play), Byron Allen (guardia), Marco Ceron (guardia), David Moss (ala), Jordan Hamilton (ala), Brian Sacchetti (ala), Awudu Abass (ala), Andrea Zerini (ala grande), Gerald Beverly (ala grande/centro) Eric Mika (centro)
Coach Andrea Diana (confermato)
Quintetto: Vitali, Allen, Hamilton, Beverly, Mika
La stella: Jordan Hamilton
Possibile sorpresa: Eric Mika
Strenght: tanto talento e tanta fisicità, per una squadra che sarà impegnata anche in EuroCup e che vuole fare bene sia in Italia sia in Europa. La certezza si chiama Luca Vitali ma attorno il management bresciano ha allestito una squadra che sembra calzante con le caratteristiche del proprio coach. Perso Landry è arrivato il colpaccio Hamilton, con l’esperienza di Allen accanto e con Beverly pronto ad esplodere definitivamente. Mika ha mostrato cose ottime a Pesaro e può fare il grande salto a Brescia, con una panchina solida ed esperta, dove anche il tassello del back up del play è stato sistemato con l’arrivo di Laquintana. Con Moss, Sacchetti e due giocatori in cerca di pronto riscatto come Zerini e Abass, è davvero di prim’ordine.
Tra le forze c’è anche il nuovo PalaLeonessa, che può diventare ancor più un fortino rispetto al già caldo e super corretto PalaGeorge.



Weaknesess: perdere Michele Vitali è un duro colpo per tanti aspetti extra rispetto al grande talento del fratello di Luca. Cambiava ritmo e aveva determinate caratteristiche, ora forse questo manca. Come pare mancare anche un cambio per Mika, anche se Beverly può dare minuti da “5”. Altro aspetto che sarà interessante valutare, è il capire come si incastrerà tutto quel talento attorno a Vitali: il play ha bisogno di avere la palla in mano e gestire il gioco per rendere alla grande…ma a Hamilton e Allen la palla va fatta arrivare e anche spesso. Certo, meglio averceli questi problemi, infatti Brescia può fare grandi cose. Che diventeranno grandissime se tutto si incastrerà a dovere. Da “provare la febbre” anche alla tenuta fisica e mentale, con la stanchezza e i ritmi della prima volta in una competizione europea esigente come l’EuroCup.