sabato, Aprile 20, 2024
HomeNewsLuka Modric: tra addii e nuovi record, il futuro di una leggenda...

Luka Modric: tra addii e nuovi record, il futuro di una leggenda al Real Madrid

Nel cuore palpitante della capitale spagnola, a pochi mesi da quello che sembrava essere l’addio al Real Madrid, Luka Modric, il maestro croato del pallone, sembra pronto a regalare un ultimo, inaspettato, giro di valzer ai suoi ammiratori. Dopo aver dedicato dodici anni di fedele servizio ai Merengues, a 38 anni suonati, il vincitore del Ballon d’Or 2018 non accenna a fermarsi.

Ogni primavera porta con sé il rituale interrogativo sul futuro di Modric, tanto che il Real Madrid ha fatto ormai abitudine a rinnovare il contratto della sua stella stagione dopo stagione. Tuttavia, se si dà credito alle voci che si rincorrono nei media spagnoli, questo sarebbe il crepuscolo della sua era in bianco. Arrivato nell’estate del 2012, il direttore d’orchestra croato ha incantato il Bernabeu con la sua magia, ma la fine, si mormora, potrebbe essere vicina.

Nonostante l’età, Modric continua a stupire con prestazioni di alto livello, mantenendo vive le speculazioni sul suo domani. Alcuni lo vedono già parte dello staff di Carlo Ancelotti, mentre altri ipotizzano una partenza verso lidi a sorpresa, forse verso la lontana Arabia Saudita o un ritorno al Dinamo Zagreb.

Eppure, il taciturno Modric preferisce lasciare che siano i suoi piedi a parlare sul campo. La sua recente esibizione contro il Siviglia, conclusasi con un gol decisivo, è stata l’ennesima dimostrazione della sua immutata classe. Ancelotti ha tessuto le lodi del suo numero 10, sottolineando che la decisione finale sulla continuità del giocatore spetta unicamente a lui.

Quale sarà il futuro di Luka Modric?

Il tecnico italiano, nonostante i sussurrati screzi con Modric, non ha esitato a esprimere una profonda ammirazione per il nativo di Zadar, la cui frustrazione per il minutaggio ridotto non ha impedito 15 presenze da titolare e 29 apparizioni complessive nella stagione corrente, tra Champions League e Liga.

Nell’ultima vittoria casalinga contro il Celta Vigo, Modric si è nuovamente messo in luce, orchestrando il gioco con la maestria che lo contraddistingue: 119 tocchi, 8 assist pericolosi, 86 passaggi riusciti, 4 tackle, 7 recuperi e 6 intercettazioni. Una performance da incorniciare.

La questione, dunque, non è più soltanto retorica: la prospettiva di vedere Modric indossare per un altro anno la maglia del Real si fa concreta. Ancelotti è pienamente cosciente che sostituire un talento del suo calibro sarà un’impresa ardua, e il destino del giocatore sembra appeso a un traguardo storico da raggiungere.

Sebbene il record di presenze di un calciatore straniero al Real appartenga a Karim Benzema, Modric potrebbe ambire a diventare, con un’ulteriore stagione, il giocatore più anziano a scendere in campo con i colori dei Blancos, superando il leggendario Ferenc Puskas. Per fare ciò, dovrà essere in campo il 15 ottobre 2024. Sarà questo l’obiettivo a convincerlo a prolungare la sua avventura madrilena e magari condividere il campo con Kylian Mbappé? Le prossime settimane sveleranno l’enigma.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments